fbpx

Sei situazioni in cui la luce flash fa la differenza

Benvenuti su R29.it :)
30 Aprile 2019
Lo sviluppo del rullino fotografico
30 Maggio 2019
Show all

Sei situazioni in cui la luce flash fa la differenza

Il flash, uno strumento creativo adatto a mille situazioni diverse.

Spesso, quando si parla di luce “flash”, mi sento rispondere “Ah, ma io amo la luce naturale, quella del flash è brutta..“.

A una affermazione del genere generalmente capovolgo gli occhi tipo esorcista per poi, amichevolmente, rispondere con un elenco di situazioni in cui la luce artificiale è indispensabile o, anche in presenza di sufficiente luce ambiente, questa dia “quel qualcosa in più” dal punto di vista visivo (ma qui entrano in ballo i gusti personali, con tutto quel che ne consegue).  Molto spesso poi, chi fa una affermazione del genere, non sa minimamente usare un flash…. e rispondere che la luce “naturale” è migliore e la soluzione più facile per giustificare una carenza tecnica.

“Gaia”, servizio per il negozio Arthur Davies di Trieste e TriesteAllNews.it . MUA: Lidia Lanci.

Vediamo alcune situazioni in cui l’utilizzo di un flash può fare “la differenza” :

  1. Fotografia in studio, in cui la luce artificiale è l’unica presente;
  2. Controluce, in cui si userà la luce del flash come riempimento;
  3. Di notte  o con pochissima luce;
  4. Ritratti ambientati in location esterne;
  5. Ritratti ambientati in location indoor;
  6. Foto notturne con tempi lunghi/flash sulla seconda tendina;

Abbiamo un elenco di partenza, di varie casistiche, che ci portano a fare dei ragionamenti tecnici molto diversi. Se ho poca luce ambiente e non voglio lavorare a millemila ISO l’utilità del flash è evidente: mi serve luce e la funzione del flash è quella di emettere un lampo di luce. Sono i casi in cui non si ha scelta, a meno di non voler portare a casa foto molto spesso inutilizzabili.

In certe situazioni, invece, la luce ambiente c’è, ma voglio cmq utilizzare uno o più flash per creare un atmosfera diversa da quella presente “nella realtà”.

“Sonia & Eva”, backstage. GODOX AD200 con kit.

1 – Fotografare in studio con il flash

Lo studio fotografico rappresenta la situazione “naturale” nell’utilizzo della luce artificiale.

Ora, grazie alla presenza di flash sempre più potenti funzionanti a batteria (anche di 600W) è possibile portare “lo studio fuori dallo studio“.. con tutti i diffusori e accessori di cui abbiamo bisogno (softbox, ombrelli, gelatine, parabole…). Lo studio fotografico rappresenta la situazione più comoda, in cui possiamo gestire tutto, senza essere soggetti (di solito, almeno..) all’influenza di agenti esterni.

Non immaginiamoci però la fotografia in studio come qualcosa di limitato al classico “fondale bianco”.. si può fare molto di più..


“Herodiade”, ritratto ambientato in studio.


“Eva”, ritratto in studio.

2 – Fotografare in controluce con il flash

Nel caso di controluce, se non vogliamo avere una silhouette, un colpo di flash bilanciato bene ci permetterà di avere illuminati sia il soggetto che lo sfondo, cosa impossibile senza l’ausilio di una luce artificiale. Sta a noi decidere quanto sarà “naturale” l’immagine che nascerà, regolando la potenza della luce emessa del flash in modo da avere più o meno distacco del soggetto rispetto alla scena.

“Evelyn”, situazione di contoluce. OCF. AD200 + sofbox.

3 – Fotografare di notte con il flash

Se non c’è luce, ci serve una sorgente luminosa per illuminare il soggetto della nostra immagine: poco da fare in questo caso! Uno speedlight, montato sulla nostra fotocamera o messo off-camera (con l’aiuto di un assistente o di uno stativo) ci risulterà fondamentale. Se vogliamo contestualizzare la foto (come nella foto sottostante con Silvia) dovremmo per forza usare ISO alti.

“Silvia”, un flash con softobx tenuto da un assistente per questo ritratto ambientato. ISO 1600. MUA Valentina Petris

“Lara”, due flash per questo ritratto in notturna. Uno posteriore, “di accento”, sui capelli e uno frontale. MUA: Lidia Lanci

4 – Ritratto ambientato in location esterne

Se vogliamo fotografare dei soggetti all’esterno dovremmo tener conto necessariamente anche della luce ambiente e di come vorremo che questa “pesi” nella nostra immagine finale.

Possiamo decidere di staccare completamente il soggetto dallo sfondo, rendendo palese l’utilizzo di un flash, o, al contrario, di cercare di creare una illuminazione che non crei un contrasto particolarmente forte tra soggetto e sfondo.

Una tecnica che amo particolarmente è l’HSS (High Speed Sync), che ci permette di utilizzare tempi di otturazione ben più veloci del classico 1/125 o 1/250 di secondo. In modalità HSS (se macchina e flash la supportano) è possibile scattare fino a 1/8000. Questo ci permette di utilizzare diaframmi aperti (per sfocare lo sfondo) e tempi di scatto molto veloci, pur usando la luce flash.

“Gaia” . Shooting per  Arthur Davies. MUA: LIdia Lanci

“Silvia”. Shooting per POSH Udine. MUA: Valentina Petris

5 – Ritratto ambientato “indoor”

La portabilità dei flash speedlight ci permette di lavorare comodamente anche ambienti indoor diversi dallo studio fotografico: locali pubblici, stanze di hotel ecc…. Sta a noi decidere, regolando l’esposizione,  come regolare il rapporto tra la luce ambiente e la luce artificiale.


“Kate”, AD200 con ombrellino.


Servizio di moda per Posh di Udine. AD200 con softbox.

6 – Ritratti notturni con il flash usando  la seconda tendina

E’ possibile far partire il lampo del flash in due momenti: quando la tendina inizia a aprirsi o quando questa si chiude. Possiamo usare dei tempi lenti, per catturare la luce ambientale, e illuminare il nostro soggetto con un colpo di flash. E’ una tecnica che si usa molto nella fotografia di eventi, per dare la sensazione del movimento.

 

Abbiamo visto in questo articolo alcune situazioni in cui la luce artificiale può fare la differenza: se l’argomento ti ha interessato, ti invito a dare uno sguardo al programma del Corso Flash, che si terrà prossimamente 🙂

 

 

Davide Zugna
Davide Zugna
Davide Zugna, fotografo professionista di Trieste, amante della fotografia di ritratto e della luce artificiale. Sito personale: www.dzphoto.it
form-submit